Un volume sulla Cineteca Nazionale

 

In occasione del 70esimo della CN Aldredo Baldi cura un volume sulla sua storia, edito dal CSC in collaborazione con l'editore Rubbettino

Dal 15 novembre è aperta presso il Teatro dei Dioscuri al Quirinale la mostra "70 anni della Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di Cinematografia". Visitabile da martedì a domenica, è curata da Alfredo Baldi e organizzata da Vincenzo Aronica. Il CSC-Cineteca Nazionale l'ha realizzata in collaborazione con Istituto Luce-Cinecittà, che ha messo a disposizione il suo splendido spazio sito in via Piacenza 1.
Guarda il video dell'inaugurazione.

In questa stessa sede, venerdì 22 novembre, si è svolto un doppio evento sempre legato al 70esimo anniversario della Cineteca Nazionale: un convegno internazionale dedicato all'attività delle cineteche, con particolare attenzione alla conservazione e al restauro dei film; e la presentazione del volume 70 anni della Cineteca Nazionale, curato da Alfredo Baldi (edito dal CSC in collaborazione con l'editore Rubbettino), che ricostruisce la storia dell'ente istituito per legge nel 1949.

Alfredo Baldi, nato a Roma nel 1943, ha lavorato dal 1968 al 2007 al Centro Sperimentale di Cinematografia dove è stato dirigente di vari settori, tra cui la Scuola Nazionale di Cinema e la Cineteca Nazionale. Studioso di storia e di tecnica del cinema, collaboratore di trasmissioni televisive della Rai, organizzatore di produzioni cinematografiche, è stato docente di Linguaggio cinematografico all'Università Sapienza di Roma. Ha pubblicato su riviste specializzate un centinaio di articoli e saggi, soprattutto sul cinema italiano, ed è autore e curatore di una dozzina di libri. Sulla censura cinematografica in Italia, della quale è studioso fin dagli anni '70, ha pubblicato due opere, nel 1994 e nel 2003. Nel 2018 è uscito il suo ultimo libro, La scuola italiana del cinema - Il Centro Sperimentale di Cinema-tografia dalla storia alla cronaca (1930-2017). È membro del Comitato Scientifico della Fedic.